Emanuela Alberini Rota
Enzo Panebianco
Maria Lucrezia Fabris
Alessandro Atzeni
Chiara Bucello
YOUTUBE DEAF
Deaf Cinema Festival
#TalenteDeaf
WFD
Scrivi in LIS
Corsi LIS

Chiara Bucello

Chiara Bucello
Parlare della mia sordità mi ha aperta definitivamente al mondo. Da quando sono uscita allo scoperto provo a combattere l'ignoranza, ...
Leggi Tutto

PILAR LIMA

"Vedere per capire" Ho accettato di contribuire alla realizzazione di questo libro per portare il mio mondo, il mondo del ...

MIGUEL ÁNGEL IGLESIAS

Il mio più grande trionfo: essere felice In verità non so come riassumere quello che è stata la mia vita ...

RAQUEL PUEBLA

Il successo della perseveranza Questa è Hollywood, non è Madrid, ho pensato. Non avevo mai ricevuto un aiuto così spontaneo ...

JAVIER SOTO

Il miglior atleta sordo del 20 ° secolo Javier Soto è nato sordo e ha avuto una educazione esclusivamente oralista ...

CELIA MARTÍNEZ

Tra due mondi CELIA MARTÍNEZ a 8 anni ha contratto la meningite causa della sua sordità. "Uscita dall'ospedale mi hanno ...

Benedikt J. Sequeira Gerardo

Benedikt è sordo, e non pensa che questo lo limiti nella vita. Il suo impegno? Che i Sordi possano essere ...
MISSION
FILOSOFIA
IMPEGNO
CREDITI

Seeing Voices

“I found it an astonishing and moving experience. I had never before seen an entire community of the deaf, nor had I quite realized (even though I knew this theoretically) that Sign might indeed be a complete language – a language equally suitable for making love or speeches, for flirtation or mathematics. I had to see philosophy and chemistry classes in Sign; I had to see the absolutely silent mathematics department at work; to see deaf bards, Sign poetry, on the campus and the range and depth of the Gallaudet theater; I had to see the wonderful social scene in the student bar, with hands flying in all directions as a hundred separate conversations proceeded – I had to see all this for myself before I could be moved from my previous “medical” view of deafness (as a condition, a deficit, that had to be “treated”) to a “cultural” view of the deaf as forming a community with a complete language and culture of its own. “
Seeing Voices – Oliver Sacks, 1989