work in progress

La leggenda del “FILO ROSSO”

4 Febbraio 2021

Cambio vita

2 Febbraio 2021

Alessandro De Maddalena

25 Gennaio 2021

Esiste una élite sorda?

23 Gennaio 2021

Rob Stewart

22 Gennaio 2021

L’accoppiamento tra Squali

21 Gennaio 2021

Il fiuto degli Squali

19 Gennaio 2021

Squali di Skaris

8 Gennaio 2021

MATA News Philippines

7 Gennaio 2021

Chef Malantrucco

Megalodon – LO SQUALO

6 Gennaio 2021

Rispetto per l’ambiente altrui

Lo Squalo Martello

5 Gennaio 2021

Lingua dei Segni e Nazioni

4 Gennaio 2021

Spider Gwen – Spider woman

1 Gennaio 2021

Il nostro calendario in LIS in omaggio (FREE)

31 Dicembre 2020

Gli squali non mangiano gli uomini

Recensione a – Non chiamatemi “NON UDENTE”

29 Dicembre 2020

La Fede, quale opinione?

28 Dicembre 2020

Il bisogno di etichette

segreteria

Benedikt J. Sequeira Gerardo

Benedikt è sordo, e non pensa che questo lo limiti nella vita. Il suo impegno? Che i Sordi possano essere integrati sempre di più nella vita quotidiana con gli udenti.

Benedikt is deaf, and he doesn’t think this limits him in life. His commitment? May the Deaf be integrated more and more into daily life with the hearing.

https://www.facebook.com/b.sequeira.gerardo

https://www.instagram.com/bengie07

Condividi articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su google
Condividi su telegram

#TalenteDEAF

Dario Pasquarella

Dario Pasquarella, sordo profondo, classe 1976, di Benevento. Appena maggiorenne si è trafrerito a Roma dove ha conseguito la Laurea magistrale in Teatro-Musica-Danza al corso

Payaso Sordo – Aldo Bossio

La Pagina Facebook Payaso Sordo sulla quale non pubblica niente dall’aprile del 2019 è seguita da 58.930 persone . La sua nuova pagina https://www.facebook.com/payaso.sordo ha

Giuseppe Giuranna

Giuseppe Giuranna e il Visual Vernacular “In realtà le persone sorde hanno già una sensibilità visiva, perché osservano e imparano tutto attraverso gli occhi. La

Roberto Wirth 

«La mia famiglia è di origini svizzere, siamo gente abituata alla precisione. Di più, alla perfezione. E io ero l’incarnazione del difetto, un bambino sbagliato»