DEAFctory

IL BLOG DI EMANUELA ALBERINI ROTA

Un caffè

Quando sono a casa, un salto dalla mia vicina di casa novantacinquenne lo faccio. Una nonna sprint e in gran forma per la sua età. Oggi, aiutandosi con il segno adeguato mi dice “Emanuela ti faccio un caffè” . Non aspetta neanche che le risponda che già sta preparando la macchinetta. Probabilmente sta anche parlando, dicendomi qualcosa che io non sento e non posso leggere sulle sue labbra perché mi volta le spalle.

Sa che sono sorda e ma quando è presa dalle sue cose, tralascia i particolari, se lo scorda. Anche oggi mi ripete che è diventata sorda anche lei come me e che devo insegnarle la lingua dei segni, così almeno il telegiornale in lingua dei segni lo può seguire. “Certo, dura solo 5 minuti ma  “piutost che nient l’è mej piutost“, tradotto in italiano, ” piuttosto che niente è meglio piuttosto”. A volte è meglio accontentarsi di quello che ci viene dato perché è sempre meglio che l’ avere niente.

Non condivido pienamente quello che dice ma non ne parlo con lei. E’ una donna d’altri tempi che ha vissuto la guerra e gli stenti che ha portato. Posso capirla. “Ieri è venuta a trovarmi mia figlia e le ho preparato un roastbeef. Te ne abbiamo conservato una porzione. ” Sapeva che oggi non sarei andata dai miei a pranzo, “Almeno mangi qualcosa che non sia contenuta in una scatola, già pronta e che devi soltanto scaldare”.

“Hai una moka?”

Arrossisco e non dico nulla .

Ho una Nespresso.

ALTRI ARTICOLI - EMANUELA ALBERINI ROTA

Io resto a casa

Oggi mi prendo una pausa dal resto del mondo e “resto a casa”. Mi dovevo cimentare in lavoretti di impaginazione e grafica ma anche questi

Terapia di “ascolto”

Emanuela è disponibile ad “ascoltare” . Cerco di essere empatica ma se non sentissi un’affinità con l’interlocutore, fingerei di essere vicina emotivamente. E’ un atteggiamento

Voglia di dolcezza

Ero in vena di cucinare. Apro  la credenza e guardo tutto quello che ho.  Io sono fuori dal comune. Chiunque altro dovendo cucinare aprirebbe il

Vince chi fugge

Anche Maurizio è “andato”. Si avete capito bene, ci siamo lasciati. Troppo diversi e io letteralmente assorbita dai miei troppi impegni . Sono stata educata

Festa della Mamma

Rappresentata da David Call David Call nasce Sordo a Los Angeles, negli anni ’60. Già dall’età di 4 anni esprime i suoi bisogni alla famiglia

Leggi Tutto