DEAFctory

Pallet Cafe Segni in Kenia

Edward Kamande e sua moglie Jacqueline, anche lei sorda, lavorano entrambi per il Pallet Cafe uno spazio sicuro dove poter avere una carriera crescente, un bar in Kenya che sta cercando di cambiare la percezione delle persone Sorde.

Dietro un cancello , quasi anonimo, in un quartiere benestante della capitale del Kenya, Nairobi, c’è questo esperimento sociale che vuole trasformare il pensiero comune sulle persone sorde.

All’interno del bar, sui muri, ci sono affissi in bella mostra alcuni poster che introducono alla lingua dei segni per chiedere ai camerieri una bottiglia d’acqua fredda e un uovo utilizzando il KSL ( Kenyan Sign Language).

Edward Kamande, entrato a far parte dello staff subito dopo l’apertura di Pallet Cafe nel 2019. Ha iniziato a lavorare come cameriere ma ora è il manager di tre filiali del Bar che ha più di 40 dipendenti tra sordi e udenti che sanno come comunicare attraverso la lingua madre della comunità sorda .

https://palletcafe.co.ke/

https://www.facebook.com/PalletCafeKenya/

https://www.instagram.com/palletcafe_ke/

https://www.tripadvisor.it/Restaurant_Review-g294207-d17654764-Reviews-Pallet_Cafe-Nairobi.html

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn