Siti web
Facebook
Canali YouTube
Instagram
Tik Tok

SOCIAL

Gran bollito

Per un naso che cola, un brodino è un toccasana unico.

Oggi tortellini in brodo. Oggi vitamine B , C , K e altri antiossidanti, per agevolare l’apertura delle vie respiratorie, eliminare la congestione nasale, e alleviare i sintomi del raffreddore.

Se tutti riescono a fare un litro di brodo di pollo, ci potrei riuscire anche io che non l’ho mai fatto, con i tutorial e le ricette di internet. Indubbiamente ci riuscirei . Quali ingredienti servono?

Sedano, Carote, Cipolle, Patate, Aglio, Alloro, Prezzemolo sono gli ingredienti che propone GialloZafferano e sostiene che tutti quanti li abbiamo in casa”.

Io in casa non ho alcun vegetale.

Potrei giustificarmi dicendo che, non fa per me la loro lunga conservazione perché non ho il pollice verde.

“E dopo 50 min di cottura,  schiumare il brodo”. E’ una operazione, complicata che non so cosa significhi. A quanto pare serve un’attrezzo, la schiumarola, di cui non conoscevo neanche l’esistenza che passato sul brodo dovrebbe trattenere i grassi depositati in superficie. No, no no e poi non mi va neanche di sentirmi responsabile per la morte di un pollo. Per questa volta passo.

Bontà secondo tradizione, preparato utilizzando i migliori ingredienti per darti tutto il piacere autentico del buon brodo come fatto in casa. STAR è perfetto per preparare minestrine, pasta fresca . Ottimo anche da solo.

Le nostre virtù

Ho molti amici. Mi ritengo fortunata. Ho qualche amico udente, ex compagni di scuola superiore, ma i miei amici per lo più sordi

L’amicizia è una valore davvero molto prezioso e ritengo che nella nostra comunità ce la sappiamo ben gestire.

Ritengo che noi sordi non viviamo di pregiudizi nei riguardi dei diversi perché evidentemente ognuno di non è già abbastanza discriminato tra la gente comune. Condividiamo le nostre esperienze con belli, brutti, magri e grassi, alti, bassi . L’handicap, il sesso, la razza, e la religione non possono essere parametri validi per esclusione dal gruppo. L’esperienza è l’unica sovrana di vita all’interno dei circoli, nelle nostre case e sul web. Le nostre amicizie le coltiviamo senza l’ipocrisia del politicamente corretto, semplicemente essendo diretti. Chiamiamo le cose per quel che sono, per come si vedono. Se ritengo che una cosa sia brutta non dirò in lingua dei segni che non è abbastanza bella per i miei gusti. Adeguando l’espressione, dirò che “quella cosa è brutta e che non mi piace”. La mia amica Rossella si porta dietro da sempre, con la sua stazza, il segno nome “grossa” che la identifica nel suo modo di essere. Non è una offesa è semplicemente quello che è.

Poi, i vizi e le virtù sono tanti e diversificati .

Quiz