DEAFctory

Tecnologia che da voce alla LIS

2014

Mateo Ibro (16 anni) e Antonio Falsetti (17), di Castellanza (Varese) in occasione di un progetto di educazione digitale di Microsoft hanno pensato di realizzare uno strumento geniale: Good morning. E’ un guanto che, attraverso alcuni sensori collegati ad una scheda Arduino, piattaforma ideata per la prototipazione e attraverso un’applicazione sullo smartphone, è in grado di tradurre i segni e dargli voce .

Good Morning al momento è solo un prototipo e potrebbe rivelarsi una vera e propria rivoluzione, per il futuro imprenditoriale dei ragazzi. Infatti I due ragazzi hanno fatto registrare del brevetto e sono intenzionati a portare avanti la loro invenzione . Dichiarano alla stampa: Il prototipo ha richiesto circa 150 euro per la realizzazione ma in futuro il guanto potrebbe costare intorno ai 500 euro.

Articolo su Varere News

 analoga invenzione del 2016

SignAloud: Gloves that Transliterate Sign Language into Text and Speech