DEAFctory

IL BLOG DI EMANUELA ALBERINI ROTA

Non provo vergogna

Sono come sono e ne sono fiera.

Sono una persona che ha fatto tutto quello che era nelle sue possibilità per arrampicarsi in cima alla scala, dapprima salendo sui pioli più in basso e via via sempre più su.

Sono sorda e lo rimarrò per sempre, non provo nessun turbamento. Non ho desiderato neanche per un attimo essere udente. Non ho mai invidiato la vita degli altri.

Passando tra i due mondi paralleli, il rischio più grande è quello di non dar sempre la giusta immagine di se di non riuscire ad essere in armonia con il contesto.

La preoccupazione più grande è di non avere il tempo di aprire una porta e chiudere l’altra e viceversa tra le due culture che vivo in contemporanea. Mi capita molto più spesso di sentirmi inadeguata al mondo degli udenti.

Fortunatamente non sono così tanto vulnerabile alle “brutte figure” indotte dalla sordità. Mi crea più imbarazzo e vergogna l’ avere le calze sfilate o il vestito sporco o le doppie punte ma mai il fatto di non capire abbastanza la lingua Italiana.

Non abbiamo altra scelta che passare oltre e uno scivolone non inficia tutto quello che siamo o facciamo

ALTRI ARTICOLI - EMANUELA ALBERINI ROTA

Sono positiva

Penso alle prossime vacanze di primavera. “Natale con i tuoi e Pasqua con chi vuoi”. E se proponessi a Maurizio una vacanza a cavallo  i

“Boîtes” (Boxes) -Mobile Film Festival

https://www.facebook.com/MobileFilmFestival/ Nel far conoscere ai nostri visitatori il festival, con regole facilissime da seguire: 1 Smartphone (Mobile) 1 minuto e un film,  l’occasione ci è

Ero una Pirate Deaf

Ho vissuto nell’illecito  sottraendo dal web i  file .srt. Quando i film sottotitolati si potevano contare sulla punta delle dita; quando le serie TV Americane